mail unicampaniaunicampania webcerca

      

    Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale, Meccanica, Energetica

    Classe di Laurea: L-9 - Ingegneria industriale

    Durata: 3 anni

    Anno Accademico: 2018-2019

    Crediti: 180 CFU

    Presidente del CdS: Prof. Antonio Viviani

     

       ISCRIVITI

     

    Il corso di studio della laurea in Ingegneria Aerospaziale-Meccanica è un corso di studio che deriva dai due corsi di studi di laurea in Ingegneria Aerospaziale e in Ingegneria Meccanica già preesistenti presso la Scuola Politecnica e delle Scienze di Base  ed è una loro trasformazione. L'organizzazione didattica del corso ha tenuto conto dei suggerimenti e dei pareri emersi negli incontri con le organizzazioni e le istituzioni del mondo del lavoro e aziendali e con imprese ben radicate sul territorio. Il corso di studio della Laurea in Ingegneria Aerospaziale-Meccanica ha come obiettivi principali quello di ottenere una figura di ingegnere che abbia una solida formazione di base, con conoscenze fisico-matematiche necessarie per la comprensione, la modellazione e la risoluzione, con le metodologie più aggiornate, di problemi applicativi tipici dell'ingegneria aerospaziale e meccanica e si propone di coprire le esigenze relative a un vasto spettro di ruoli e di competenze che l'ingegnere industriale viene chiamato a fornire alle imprese produttrici di beni o di servizi e sia in grado di affrontare problemi nell'ambito dell'industria manifatturiera in generale e aerospaziale e meccanica in particolare.

     

      Orario lezioni

      Sedute di laurea

      Calendario esami

      Insegnamenti attivi nell'a.a. 2018/2019

      Qualità della didattica

     

    Obiettivi

    Il percorso formativo prevede tre orientamenti, uno che sviluppa gli aspetti tecnici maggiormente rivolti all'aerospazio, uno che ha un bagaglio tecnico a largo spettro nei settori caratterizzanti la meccanica ed uno che permette di acquisire in modo particolare ed approfondito le competenze specifiche dell'Ingegneria energetica. I tre orientamenti hanno in comune il primo anno e alcuni insegnamenti caratterizzanti, affini e integrativi.

    L'orientamento aerospaziale prevede un percorso formativo che permette l'acquisizione delle conoscenze per la soluzione di problemi applicativi della fluidodinamica, delle strutture e aerospaziali e spaziali, della progettazione aerospaziale e spaziale, della dinamica e della meccanica del volo e degli impianti aerospaziali e spaziali nonché della capacità di risolvere i problemi interdisciplinari quali quelli legati all'interazione fluido-struttura e alla progettazione del velivolo nella sua interezza. Il percorso formativo dell'orientamento aerospaziale consente l'apprendimento dei contenuti fondamentali dell'aerodinamica, della fluidodinamica incomprimibile e comprimibile, della costruzione e delle strutture aerospaziali, della progettazione aerospaziale, degli impianti aerospaziali e dei motori e della propulsione aerospaziale.

    L'orientamento meccanico presenta un percorso formativo che permette l'acquisizione delle conoscenze fondamentali dei settori tipici della meccanica che possono sintetizzarsi nelle aree costruttivo-strutturale, tecnologico-impiantistico e termo-energetico. Con questo impianto di conoscenze è possibile fornire gli strumenti per l'analisi e la soluzione di problemi applicativi che si presentano nell'industria. Obiettivo di questo orientamento è quello di offrire un percorso che sia a largo spettro e caratteristico dell'ingegnere meccanico acquisendo i contenuti fondamentali della meccanica applicata, della costruzione di macchine, delle tecnologie, degli impianti industriali, della termodinamica applicata, della trasmissione del calore, delle macchine e dei sistemi energetici.

    L'orientamento energetico presenta un percorso formativo che fornisce una formazione metodologica nel settore dell'utilizzazione delle risorse energetiche, dei processi di trasformazione dell'energia, della generazione di potenza sia con combustibili fossili che con fonti rinnovabili o a basso impatto ambientale, dell'utilizzazione e distribuzione dell'energia elettrica e termica sia nei processi industriali che negli edifici, delle tecniche di controllo dell'impatto ambientale dei sistemi energetici, dell' uso razionale dell'energia. Il percorso formativo è basato sull'acquisizione di solide competenze nelle discipline matematiche, fisiche, nonché delle tematiche fondamentali dell'ingegneria industriale, con particolare riguardo alla termodinamica , alla trasmissione del calore, alle macchine e ai sistemi elettrici per l'energia.

    Durante lo svolgimento dei corsi, saranno proposte agli studenti applicazioni concrete da sviluppare, con l'aiuto dei docenti, impiegando diversi strumenti quali libri di testo, codici di calcolo, sistemi di misura e banche dati. Inoltre, per agevolare le attività di studio e apprendimento, lo studente potrà rivedere le lezioni e le esercitazioni di alcuni insegnamenti del primo anno, che saranno erogati in via sperimentale con modalità e-learning on demand. Sono previste attività di laboratorio nei diversi settori dell'Ingegneria Industriale, seminari integrativi e testimonianze aziendali, visite tecniche, tirocini formativi presso aziende, società di ingegneria e società di servizi.

    I laureati nei corsi di laurea della classe devono:

     - conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i problemi dell'ingegneria;

    - conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell'ingegneria, sia in generale sia in modo approfondito relativamente a quelli di una specifica area dell'ingegneria industriale, nella quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere i problemi utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati;

    - essere capaci di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti, sistemi, processi;

    - essere capaci di condurre esperimenti e di analizzarne ed interpretarne i dati;

    - essere capaci di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale;

    - conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche;

    - conoscere i contesti aziendali ed e la cultura d'impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi;

    - conoscere i contesti contemporanei;

    - avere capacità relazionali e decisionali;

    - essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano;

    - possedere gli strumenti cognitivi di base per l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze.

    Requisiti ammissione

    Corsi di Ingegneria - Prova di Autovalutazione
     
    Per l'iscrizione al corso di Laurea è richiesto il diploma di scuola secondaria superiore o un analogo titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente. L’immatricolazione ai Corsi di Laurea triennali di Ingegneria ­ ­ - a.a. 2018/19 - prevede lo svolgimento obbligatorio o di un Test di ammissione in presenza (TIP) ovvero di un Test erogato in modalità on­line (TOLC).
     

    facebook logoinstagram buttonyoutube logotype